Assemblea Legislativa delle Marche.
Estratti del processo verbale n. 49 del 06/07/2011: * Risoluzione n. 38 sulle comunicazioni della Giunta regionale "Mandato al Presidente della Giunta regionale a sottoscrivere accordo Regione - API"; * Ordine del giorno n. 33 sulla risoluzione n. 38 "Modalità di adesione all'accordo API-Regione sul rigassificatore di Falconara"; * Ordine del giorno n. 34 sulla risoluzione n. 38 "Contenuti da rispettare in ordine all'accordo API-Regione sul rigassificatore di Falconara".

omissis


Il Presidente passa alla trattazione del punto iscritto all'ordine del giorno che reca:
* COMUNICAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE in merito al "Rigassificatore API di Falconara Marittima".

omissis


Conclusa la discussione generale, il Presidente comunica che sulle comunicazioni sono state presentate ed acquisite agli atti due proposte di risoluzione.

omissis


Il Presidente passa all'esame della proposta di risoluzione, a firma dei consiglieri Ricci, Malaspina, Giorgi, Eusebi, Latini, e dei relativi emendamenti.
Intervengono l'Assessore Petrini (chiede la votazione per appello nominale anche a nome del Presidente Spacca e dell'Assessore Donati) e i consiglieri Badiali (illustra l'emendamento) ed Eusebi (interviene sull'ordine dei lavori).
Il Presidente pone in votazione l'emendamento a firma dei consiglieri Giancarli e Badiali. L'Assemblea legislativa approva. Dopo aver dato la parola, per le dichiarazione di voto, ai consiglieri Binci e Bucciarelli, indice la votazione dell'emendamento a firma del consigliere Pieroni. L'Assemblea legislativa non approva. Pone, quindi, in votazione (per appello nominale) la proposta di risoluzione. L'Assemblea legislativa approva la proposta di risoluzione, emendata, nel testo che segue:

"L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE,


PRESO ATTO che con precedente risoluzione del 17 maggio 2011:
- ha impegnato il Presidente e la Giunta regionale a negare l'intesa per la realizzazione di un rigassificatore al largo di Falconara Marittima, qualora non si raggiunga un accordo con la parte proponente su un progetto industriale di bonifica, riqualificazione e riconversione produttiva del sito API che riduca gli attuali impatti ambientali e che garantisca la sicurezza sul lavoro e sulla salute unitariamente alla salvaguardia dei posti di lavoro e dell'interesse collettivo;
- ha auspicato che si realizzi un intervento pubblico e privato plurisettoriale nel settore della produzione di energia elettrica;
CONSIDERATA positivamente e coerente con la risoluzione del 17 maggio scorso la comunicazione del Presidente della Giunta regionale sul rigassificatore API di Falconara Marittima, con la quale sono stati illustrati sia il percorso compiuto di approfondimento e consultazione, sia i contenuti dell'ipotesi di accordo con l'API;
VALUTATO positivamente l'ipotesi di accordo Regione-API così definito;

CONDIVIDE E APPROVA


la comunicazione del Presidente della Giunta regionale sul rigassificatore API di Falconara Marittima e la proposta di accordo Regione-API;

DÀ MANDATO ALLA GIUNTA REGIONALE


di autorizzare il Presidente della Giunta a sottoscrivere l'accordo Regione-API sopra richiamato e ad esprimere conseguentemente l'intesa prevista dall'art. 8 della legge 340/2000 nel procedimento di autorizzazione del terminale di rigassificazione GNL API di Faconara Marittima.
Tenuto conto di elementi comunque imprescindibili quali:
- i termini dell'Accordo API - Regione siano parte principale dell'intesa, prevedendo inoltre severe sanzioni qualora l'azienda non rispetti gli impegni sottoscritti;
- la costituzione di un comitato tecnico-scientifico interistituzionale da supportare e affiancare all'ARPAM, per la concretizzazione, il monitoraggio e il controllo rigoroso dei termini stessi dell'intesa in ordine alla sicurezza, anche in mare (la conferenza dei servizi dovrà verificare anche nuove situazioni ambientali createsi sul rigassificatore dell'Alto Adriatico), alla tutela della salute e dell'ambiente, al rispetto assunto per la bonifica del sito attuale dell'API e all'utilizzo di tecnologie avanzate in grado di abbattere le emissioni in atmosfera".

omissis


Il Presidente passa alla trattazione del punto iscritto all'ordine del giorno che reca:
* COMUNICAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE in merito al "Rigassificatore API di Falconara Marittima".

omissis


Conclusa la discussione generale, il Presidente comunica che sulle comunicazioni sono state presentate ed acquisite agli atti due proposte di risoluzione.

omissis


Il Presidente informa che sulla proposta di risoluzione a firma dei consiglieri Ricci, Malaspina, Giorgi, Eusebi, Latini sono stati presentati ed acquisiti agli atti degli ordini del giorno.
Pone in votazione quello a firma dei consiglieri Eusebi e Giorgi. L'Assemblea legislativa approva l'ordine del giorno, nel testo che segue:

"L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE,


PREMESSO che
- il prossimo martedì 12 luglio si terrà a Roma, presso il Ministero per lo Sviluppo Economico, la Conferenza dei Servizi Stato-Regione per l'intesa sull'impianto di rigassificazione off shore al largo delle coste di Falconara, presentato dal Gruppo API;
- lo scorso 17 maggio l'Assemblea Legislativa delle Marche ha approvato una risoluzione che ha impegnato il Presidente e la Giunta regionale a negare l'intesa per la realizzazione del rigassificatore qualora non fosse raggiunto un accordo con il Gruppo API in merito ad un impegno dell'azienda verso un progetto industriale di bonifica, riqualificazione e riconversione del sito API, in maniera da ridurre gli impatti ambientali e che mantenesse la sicurezza sul lavoro e i posti di lavoro; oltre ad un auspicabile intervento pubblico-privato nel settore della produzione delle energie rinnovabili, in linea con le previsioni del PEAR e per garantire nuova occupazione;
- la Giunta regionale ha prodotto uno "schema di accordo tra Regione Marche e Gruppo API" che propone una serie di obiettivi condivisi atti a ridurre l'impatto ambientale del sito industriale API di Falconara Marittima e che prevede una partecipazione societaria della Regione al fine di destinare i relativi utili alle politiche ambientali e sociali regionali;

IMPEGNA IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE


- affinchè la Regioni entri nella prevista Società Veicolo con la quota societaria massima possibile (30%);
- ad investire gli utili di competenza regionale in interventi di bonifica dell'area e in energie rinnovabili, nonché in interventi di politiche sociali rivolte al territorio direttamente interessato;
- a fare in modo che nello "schema di accordo tra Regione Marche e Gruppo API" vengano previsti:
* impegno dell'API ad investire ulteriormente in energie rinnovabili e risanamento ambientale su progetti predefiniti e comunque entro un tempo prefissato;
* tutto quanto riportato nello "schema di accordo" in merito ai patti parasociali (che sono un contratto ad effetti obbligatori) va inserito direttamente nello Statuto della Società Veicolo e va comunque previsto che le delibere di Assemblea e CDA (ove la Regione sarà rappresentata) siano prese all'unanimità;
* in merito al report dell'ARPAM, a partire dal terzo anno di attività, deve essere semestrale e non annuale;
* coinvolgimento nella Società Veicolo anche dei Comuni o, comunque, previsione di una ricaduta economica positiva anche sui loro bilanci; clausole penali in caso di inadempimento del Gruppo API;
* impegno dell'API, considerato che la Regione a sua volta si impegna a compiere un grande sforzo economico in termini di formazione, ad effettuare nuove assunzioni oltre a riutilizzare i dipendenti per le nuove iniziative;
* garantire informazione periodica alle organizzazioni sindacali sull'attuazione degli accordi previsti".

omissis


Il Presidente passa alla trattazione del punto iscritto all'ordine del giorno che reca:
* COMUNICAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE in merito al "Rigassificatore API di Falconara Marittima".

omissis


Conclusa la discussione generale, il Presidente comunica che sulle comunicazioni sono state presentate ed acquisite agli atti due proposte di risoluzione.

omissis


Il Presidente informa che sulla proposta di risoluzione a firma dei consiglieri Ricci, Malaspina, Giorgi, Eusebi, Latini sono stati presentati ed acquisiti agli atti degli ordini del giorno.

omissis


Indice, quindi, la votazione dell'ordine del giorno a firma del consigliere Acacia Scarpetti. L'Assemblea legislativa approva l'ordine del giorno, nel testo che segue:

"L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE,


PREMESSO che
- il prossimo martedì 12 luglio si terrà a Roma, presso il Ministero per lo Sviluppo Economico, la Conferenza dei Servizi Stato-Regione per l'intesa sull'impianto di rigassificazione off shore al largo delle coste di Falconara, presentato dal Gruppo API;
- lo scorso 17 maggio l'Assemblea Legislativa delle Marche ha approvato una risoluzione che ha impegnato il Presidente e la Giunta regionale a negare l'intesa per la realizzazione del rigassificatore qualora non fosse raggiunto un accordo con il Gruppo API in merito ad un impegno dell'azienda verso un progetto industriale di bonifica, riqualificazione e riconversione del sito API, in maniera da ridurre gli impatti ambientali e che mantenesse la sicurezza sul lavoro e i posti di lavoro; oltre ad un auspicabile intervento pubblico-privato nel settore della produzione delle energie rinnovabili, in linea con le previsioni del PEAR e per garantire nuova occupazione;
- la Giunta regionale ha prodotto uno "schema di accordo tra Regione Marche e Gruppo API" che propone una serie di obiettivi condivisi atti a ridurre l'impatto ambientale del sito industriale API di Falconara Marittima e che prevede una partecipazione societaria della Regione al fine di destinare i relativi utili alle politiche ambientali e sociali regionali;

IMPEGNA IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE


affinchè lo schema di accordo tra Regione Marche e Gruppo API contenga questi elementi:
nella parte API:
- i 320 milioni di euro di investimenti previsti, siano totalmente destinati al miglioramento delle caratteristiche e prestazioni ambientali degli impianti esistenti;
- il mantenimento dei livelli occupazionali sia per anni 20;
- a rendicontare alla Regione Marche annualmente sullo stato di avanzamento dei punti di cui all'intero accordo API-Regione Marche;
- la ditta API si impegna a fornire il gas metano alle utenze del Comune di Falconara con uno sconto del 30% rispetto alle tariffe ordinarie;
nella parte Regione:
- a relazionare annualmente all'Assemblea legislativa rispetto alla rendicontazione API;
- a garantire informazione periodica alle organizzazioni sindacali sull'attuazione degli accordi previsti;
- il mancato rispetto degli impegni di cui all'Accordo Regione Marche-API comporterà penali pecuniarie di volta in volta deliberate dall'Assemblea legislativa".



(Indice BUR)